Le ragazze elettriche sono tornate, più indomabili che mai

In attesa di ascoltare Davide Steccanella alla nostra prima cena del 2018 con l’autore, giovedì 25 gennaio – data di nascita di una super indomabile come Virginia Woolf, tra l’altro – possiamo gustarci questa bella recensione di Clara Maiorano al libro di Naomi Alderman ‘Ragazze elettriche’ (edizioni nottetempo).

Sia questo che ‘Le indomabili’ di Steccanella parlano prepotentemente di donne. Con visuali e punti di osservazione diversi, ma in un certo modo assonanti: pongono l’attenzione, infatti, sulla gestione del potere, nelle sue tante forme all’interno di vari contesti sociali. Mi auguro di poter continuare questo dibattito anche durante la prossima cena, di poter aggiungere ulteriori considerazioni ma soprattutto sguardi; nella pluralità il confronto diventa interessante e costruttivo.

Spero di vedervi numerosi, intanto buona lettura!

di Clara Maiorano

imgres.jpg

Che cosa potrebbe accadrebbe all’umanità se un giorno le donne scoprissero di avere nel palmo delle loro mani un potere inaspettato? Una vera e propria scarica elettrica che può anche uccidere? In “Ragazze elettriche” di Naomi Alderman tutto questo è reale e dà vita in un intenso fluire di eventi, ad un nuovo mondo, un mondo dove il potere è tutto al femminile. Le donne riscoprono il valore dell’unione, della sorellanza e cominciano ad usare la loro energia per rubare all’uomo i vertici del potere in ogni tipo di ambito. Roxy: potere fisico e controllo sul contrabbando di droga, Margot e Tatiana: potere politico, Allie: potere religioso. L’ordine dei giochi del mondo è stato ribaltato, le donne possono finalmente trovare giustizia per tutti gli abusi subiti ma l’essenza non cambia. Anche nelle mani delle donne il potere è il soggetto dominante capace di abbrutire chi lo possiede. La politica viene vissuta nello stesso identico modo in cui un qualsiasi uomo riuscirebbe a fare. L’uomo diventa un oggetto indispensabile solo per la riproduzione perché: “…è meno intelligente, meno tenace, ha il cervello nei muscoli e nell’uccello”. Il genere maschile finalmente prova sulla propria pelle tutti i disagi morali e fisici di cui da sempre le donne sono vittime. Diventa il “sesso debole” ma la donna non trova un vero riscatto. Leggendo il romanzo viene infatti da chiedersi: cosa c’è nel potere di tanto attraente per l’animo umano da renderlo alla fine schiavo e non protagonista? Perché l’umanità non è capace di gestire il potere in maniera positiva? Forse il potere non è la vera soluzione? Forse la risposta è nascosta alla fine del romanzo nelle risate sincere che uniscono Tunde, report nigeriano, ad una Roxy ormai priva della sua matassa di energia elettrica? Oppure in quell’incanto nato dall’incontro di due corpi amici messi l’uno accanto all’altro? In quella coperta condivisa e in quella volontà di salvare la vita dell’altro nonostante le brutture che entrambi hanno commesso? L’uno bacia le ferite dell’altro. E in quello scenario di morte e distruzione si apre un piccolo spiraglio di vita. Il vero potere potrebbe essere questo “guardarsi” reciproco, questo accogliersi alla pari e senza giudizio alcuno? Apocalittico, onirico, fantascientifico. Esplosivo. Un romanzo ricco di spunti di riflessione. Una scrittura precisa come l’occhio di una telecamera.

CHI E’ NAOMI ALDERMAN

Luogo e anno di nascita: Londra 1974

Attività: scrittrice, conduttrice del canale Science e Stories sulla BBC Radio4, insegnante di Scrittura Creativa presso l’Università di Bath e coautrice dell’app per smartphone Zombies, Run!

Romanzi pubblicati con Nottetempo: Disobbedienza (2007), vincitore dell’Orange Award for New Writers e del premio del Sunday Times come giovane scrittrice dell’anno.

Senza toccare il fondo (2011)

Il Vangelo dei bugiardi (2014)

Ragazze Elettriche (2017) vincitore del Baileys Women’s Prize 2017

Riconoscimenti: 2007 premio ricevuto dal Sunday Times come giovane scrittrice dell’anno; 2013 la rivista Granta la inserisce nella lista dei migliori giovani scrittori inglesi.

 

 

FATEVI DA PARTE. È IL TURNO DELLE RAGAZZE…ELETTRICHE

Ragazze elettriche di Naomi Alderman, un libro Nottetempo. Un libro da non lasciarsi scappare, un concentrato di energia e di riflessioni. Beatrice lo ha letto e non esita a consigliarlo, così.

Sei una donna. Non puoi uscire da sola di notte, è pericoloso.
Sei una donna. Non puoi guadagnare quanto un uomo: sei più debole, meno resistente e quindi
meno produttiva.
Sei una donna. Sei fertile, la tua capacità di dare forma a una vita diventa una colpa, un dovere o
una costrizione.
Sei una donna. Devi decidere: o carriera o famiglia.

Sei una donna. Sei elettrica. Adesso nessuno può più dirti cosa devi fare.

Naomi Alderman costruisce una distopia partendo da un mondo che è la fotocopia del  nostro presente. A poco a poco, in questo mondo in cui le gerarchie del potere sono le stesse del nostro, comincia a diffondersi uno strano fenomeno: prima le ragazze, giovani, meno di quindici anni, poi anche le donne, tutte le donne, sviluppano una matassa tra le clavicole che contiene una riserva di energia trasmissibile tramite le mani.

ragazze elettricheQuesta energia è parte di loro, come potrebbe esserlo un braccio o una gamba o ancora meglio un cuore. Ma, soprattutto, questa energia dà loro il potere. Il potere di infliggere dolore e morte tramite scariche elettriche generate dalla matassa.

Adesso sono le donne ad avere il potere e, ovviamente, niente potrà più essere lo stesso. Gli uomini smettono di essere i carnefici e diventano le potenziali vittime di una rabbia che è stata tenuta troppo a lungo celata, di un odio che diventa distruttivo e che porta alla costruzione di un nuovo ordine globale.

Quattro voci ci conducono fin nelle radici più profonde di questo romanzo, radici che penetrano in profondità e spaccano la roccia, come quelle di un albero, come quelle del potere.

C’è Roxy, dotata di un’energia straordinaria, figlia di un potente boss mafioso e abituata fin da ragazzina alla violenza, nutrita dal desiderio della vendetta. Poi c’è Allie, tormentata da un passato di rifiuto e di abusi che scopre di avere le doti di una leader
e che, sotto i consigli di una voce nella sua testa che è un po’ un daimon, un po’ la madre perduta, riesce a formare una comunità di donne a lei fedeli e a diventare “Eva”, il pilastro di una nuova chiesa che prima del Padre onora la Madre. C’è Margot, una donna di successo che sogna una carriera politica ma costretta a fare a patti con i propri superiori, uomini, meno dotati di lei. Le cose cambieranno quando sua figlia, una ragazza che fatica a controllare il proprio potere, le trasmetterà il “Dono”, l’inebriante energia della matassa.

All’inizio dovrà nasconderlo perché questa energia senza freni posseduta dalle donne terrorizza l’opinione pubblica. Ma scoprirà ben presto che è facile controllarlo, celarlo e poi, quando verrà il momento, utilizzarlo. Non ci sono solo voci femminili, c’è anche quella di un uomo: Tunde, reporter nigeriano che inseguirà per il mondo gli stravolgimenti che questa mutazione ha portato, rischiando di trovare la morte per mano di una donna ma scoprendo la salvezza per mano di un’altra.

Nell’alternarsi di queste voci scorrono le vicende del mondo: le donne, nei paesi in cui sono state sempre sottomesse, dall’Arabia saudita all’India, si ribellano e iniziano a comandare. Adesso sono loro ad avere il potere e non si fanno sfuggire l’occasione di vendicarsi di secoli di soprusi. In Moldavia il crudele dittatore che governa il paese viene ucciso dalla propria moglie che assume il potere e dichiara la nascita di una repubblica delle donne. Ma cosa succede quando esiste un potere che nulla sembra capace di piegare? Il potere diventa tiranno e la giustizia carneficina.

A fare da cornice al romanzo c’è uno scambio di e-mail tra due scrittori, un uomo, Neil Adam Armon, anagramma del nome dell’autrice, e una donna, Naomi. Capiamo, nello scambio che conclude il romanzo, che queste mail appartengono al futuro che la storia delle ragazze elettriche ha prefigurato, un futuro che è il rovescio del nostro.

Naomi scrive al suo collega scrittore: Hai preso in considerazione la possibilità di pubblicare questo libro firmandolo con un nome di donna? Cosa vogliono davvero le donne? Per Naomi Alderman la risposta è: il potere. Sarebbero capaci di essere diverse dagli uomini? Anche questa risposta, alla fine del romanzo, appare chiara e non può che tornare in mente l’incipit del libro: La forma del potere è sempre la stessa: è la forma di un albero.

Cosa impariamo del mondo di oggi leggendo Ragazze elettriche?

Non passa giorno in cui non apprendiamo di donne uccise da uomini che confondono la perversione del potere con l’amore, di donne che vengono lapidate per aver esercitato un briciolo di libertà e a cui non badiamo perché appartengono a società lontane dalla nostra che tanto si vanta di essere globalizzata. Forse in una distopia ci siamo già. Non ce ne rendiamo conto perché è diventata un’abitudine.

SANDRA PETRIGNANI ABITA QUI

dolorose cuoreDolorose considerazioni del cuore“, un libro estivo? Sì, perché le Edizioni Nottetempo pubblicano questo romanzo di Sandra Petrignani  e ci offrono “un viaggio senza ritorno nelle proprie emozioni”. Manuela Basso lo ha compiuto, leggendolo, e ce lo racconta così.

“Ti scrivo da sotto le coperte. Ho bisogno di un rifugio”.

Un rifugio: un coltello, una ferita, un morso alla gola, un viaggio.

In antitesi con la copertina dalla sobria eleganza patinata scelta da Nottetempo, “Dolorose considerazioni del cuore” è un viaggio senza ritorno nelle proprie emozioni.

Scrittrice di viaggi e memorie, Sandra Petrignani – ospite a Monza lo scorso novembre, della prima edizione del festival dedicato a Virginia Woolf e organizzato dalla libreria Virginia e co. – ha compiuto in questo libro il suo viaggio più prezioso.  Continua a leggere

ERO DIETRO DI TE

“Ero dietro di te”, lo potrebbe dire quel libro che non abbiamo ancora letto ma che non aspettava altro che parlare con noi. “Ero dietro di te (Nottetempo) è il titolo del romanzo scritto da Nicolas Fargues che Lucrezia consiglia. Vediamo perché.  ero dietro di te.JPG

Inizia proprio così il libro, “ero dietro di te”, con un biglietto portato da un cameriere con scritta questa frase rassicurante, tenera, come se volesse dire “nonostante tutto,  c’ero , ci sono e ci sarò sempre”.

Alice è la ragazza leggera come una piuma che scrive questa frase a un giovane trentenne visto in un ristorante. Perché Alice con dolcezza , in punta di piedi vorrebbe entrare nel cuore del ragazzo. Ma lui ha un vissuto tormentato, che si porta dietro come una valigia ingombrante e lei vorrebbe tanto aiutarlo a portare questa valigia a destinazione , per abbandonarla e ripartire con nuovi bagagli .

Questo libro è scritto come un flusso di parole che non hanno mai pause, che entrano dentro forti come un’onda del mare ma nello stesso tempo fresche, che non appesantiscono. Nicolas Fargues con questa scrittura fa riflettere , ci fa capire che si può ricominciare a qualsiasi età nonostante tutto . E che le occasioni si presentano sempre per un motivo .

Questo libro è per chi ama sentire il vento tra i capelli, per chi ama stare sott’acqua e non solo sulla riva del mare per vedere tutto in profondità. È per chi ama il sole e svegliarsi con la voglia di scoprire . Tutto.

Questo libro è per chi crede che l’amore ci salva ed è davvero sopra ogni cosa.

“Ero dietro di te […] È come dire: “Per tutto questo tempo , in tutti questi anni , ero dietro di te, non molto lontano ma non mi hai visto. Eravamo l’evidenza stessa, tu e io ,ma ogni volta ci mancavamo. E ora eccomi qui, voglio fartelo sapere…”.

TAMARA DREWE agli occhi di Nadia

Quando Nadia ha comprato questo libro, Tamara Drewe di Posy Simmonds (edizioni Nottetempo), pioveva forte. Raffaella la Libraia se lo ricorda, e non solo per quello. E racconta: “era primavera inoltrata, ero libraia da poco, era quasi ora di chiusura. Fuori il cielo era giallo, come succede quando il temporale scoppia all’improvviso in una giornata di sole che volge al termine. È entrata per cercare riparo, si è chiusa la porta alle spalle per tenere fuori la violenza dell’acqua.tamara drewe

“Sono senza ombrello, posso stare qui un momento?” Fuori quella luce, gli scrosci, dentro noi due, il silenzio, l’asciutto. Si siede, mi siedo anche io. Chiacchieriamo, ma lentamente. Lei si gira verso gli scaffali, e da quello delle graphic novel prende su questo libro, insieme a “Un lavoro vero” di Alberto Madrigal (ed. Bao Publishing). Fa la traduttrice, mi dice, scopriamo di amare entrambe l’Inghilterra e quella magnifica lingua, così essenziale, pulita, efficace.

Alla fine sceglie Posy Simmonds, glielo metto in una busta di plastica, che non si bagni – fuori il fragore è un po’ diminuito, io sono oltre l’orario di chiusura. Va via contenta, sorride. Mi dico che non vorrei chiudere, non ancora, voglio starmene lì ad assaporare la gioia di questo lavoro. E di questo posto, magico.  Qualche tempo dopo mi ha portato questa recensione, che volentieri pubblico, sperando che un po’ di quell’emozione passi attraverso le sue parole. Buona lettura!” Continua a leggere