Oggetto di attenzione

di Stefano Galardini

non sono io, è la mia bio   foto autore

Mi chiamo Stefano Galardini, e fin qua sono abbastanza sicuro di quello che dico. Sono nato a Genova, classe 1985 e su questo mi devo affidare ai racconti che mi sono stati riferiti, giacché la mia memoria non si spinge tanto in là.

Per hobby leggo e scrivo, per passione leggo e scrivo, e per professione, faccio tutt’altro ma cerco di trovare ritagli per leggere e scrivere anche quando sono al lavoro. In poche parole, sono sovrappeso.

Vivo a Monza dal novembre del 2017, con un gatto senza un occhio e una donna, che in fatto di occhi ne ha un paio tanto belli che compensano anche quello mancante del felide domestico.

Per il resto, amo la musica, quella bella (quella che piace a me) e ho un rispetto per le opinioni musicali altrui pari a quello di un’inquisitore spagnolo (un inquisitore spagnolo a cui piacciano, di base, Bruce Springsteen e i Pink Floyd).

Possiedo un umorismo sano e politicamente corretto tanto quanto dev’essere piacevole depilarsi l’inguine con un pirografo, ma sotto sotto, sono un Mon Cheri: alcolico.

Piccola nota di redazione, per la foto a fianco alla bio, sono state vagliate innumerevoli alternative, da semplici mezzobusto stile fototessera (possibilmente scattate in ancestrali cabine pre caduta del muro di Berlino, quelle stampe che se le mettevi nella tasca del cappotto troppo presto, diventavano fotografie di peluche), a istantanee a figura intera con papillon e bretelle (mia madre mi vestiva così più di vent’anni fa, cercando di premere dalla mia figura una parvenza da bravo ragazzo, inutilmente), fino a nudi più o meno artistici, una in cui sembra che tenga su la Torre di Pisa, un’altra con la luce della Lanterna di Genova che mi esce dalla bocca illuminando, da lontano, l’Arengario nel centro di Monza, un’altra ancora in cui ero semplicemente ubriaco.

Tutte scartate alla fine, per cui potete pure andare ad accendere un cero di ringraziamento al santuario di San Giuda, Santo Patrono delle Cause Perse (questa non l’ho inventata, è reale, giuro). Alla fine è stato scelto uno scatto che esprime tutta la mia simpatia e amore per il prossimo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...