Laura Pariani e il pozzo artesiano

imgres.jpg

Laura Pariani, una scrittrice profonda come un pozzo artesiano ben fatto – per usare una sua metafora. Una scrittrice con una visione del mondo, una vera scrittrice, merce rara.

Che bello averla avuta ospite da Virginia e Co., sabato 17 marzo scorso, a parlare del suo libro ‘di ferro e d’acciaio’ uscito per NNeditore. Rimasto abbozzato in attesa nel suo computer per qualche tempo – e quasi dimenticato dalla sua autrice – ha trovato il suo spazio all’interno di questa nuova collana ideata dagli editori milanesi in cerca di qualcosa di nuovo e utile per i loro lettori.

E noi ne siamo felici.

Un libro piccolo di dimensioni che contiene un universo intero. Una dittatura immaginaria – ma fino a che punto? vibra come realtà! – in una Lombardia desertificata e irrigidita dentro spazi che vorrebbero essere di sicurezza e invece si dimostrano di reclusione. Una popolazione piegata che crede di vivere, tutto sommato, nella migliore condizione.

E poi la scheggia che impazzisce e porta in superficie l’unica risposta possibile: ascoltare il cuore.

Laura Pariani, una potenza gentile. Una vita stracolma. Dodici anni in sud America. Tanti libri scritti e pubblicati, il Campiello, la sceneggiatura di un film che ha vinto il Leone d’oro (Così ridevano di Gianni Amelio), i fumetti politici, l’insegnamento. Così tante persone conosciute e amate, così tanti luoghi visitati e amati, così tanto desiderio di entrare nel mondo, di comprenderlo, di rielaborarlo.

Una scrittrice vera, merce rara.

Per noi un dono. E poi la possibilità di uno scambio. Laura Pariani racconta di sé eppure ascolta, con attenzione. Condivide e la gioia si percepisce. Apre il cuore, e a noi viene voglia di aprire il nostro. Condividiamo, prendiamo molto, lasciamo quello che possiamo. Ho l’impressione che ce ne andiamo a casa più consapevoli e più forti. Più capaci di percepire il nostro posto nel mondo.

E poi il dopo incontro, persi in chiacchiere, buon vino, qualche sigaretta, tanti racconti, risate, tenerezza e umorismo. Ma quello è uno dei piaceri sublimi e segreti riservati alla libraia, che resteranno nel cuore per sempre. Mestiere meraviglioso, il mio, il più bello del mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...