Notti inquiete nella SUITE 200

“Vorrei ringraziare Raffaella ancora una volta per avermi fatto conoscere questo scrittore e questa casa editrice e anche per tutti i consigli, azzeccatissimi, che mi ha dato”.

suite-200Cosa mai avrà letto Valentina per tessere tutte queste lodi della libraia di via Bergamo 8?

Prima di entrare nella libreria di Raffaella, ignoravo l’esistenza della casa editrice 66thand 2nd. Ora navigo speditamente e gioiosamente nel loro sito e mi segno i titoli dei libri che mi piacerebbe leggere.

L’innamoramento è iniziato con Suite 200 di Giorgio Terruzzi. Un libro sulla ultima notte di Senna prima di morire. Una notte immaginata, che solo il protagonista può sapere se corrisponde a realtà. Una notte che ti trasporta nelle angosce del pilota, prima di correre quella che sarà la sua ultima gara, nel tormento interiore di questa anima fragile dagli artigli potenti e dalla determinazione ferrea, nell’anima di un uomo assunto alle glorie della notorietà, che può avere tutto dalla vita, ma che, forse, in quel momento, vuole solo un attimo di oblio.Terruzzi ha la capacità di farti alzare dal letto nel momento in cui anche Ayrton si alza e vaga nella stanza, inquieto, per mimare i suoi movimenti e sentirti appieno dentro quella notte, dentro quella inquietudine.

Ha la capacità di raccontare dei sentimenti, per quanto immaginati, che ti entrano dentro e ti prendono lo stomaco. Non sono mai riuscita ad appoggiare il libro mentre lo leggevo, volevo sempre di più, dovevo sapere cosa frullava in testa al grande Ayrton.

Volevo gridargli “Non correre domani”, “Stattene a letto, dormi”, “non farlo”. Non escludo di averlo anche detto ad alta voce mentre leggevo!! La fluidità con cui scorrono le parole, fa sembrare quasi che la corsa si stia disputando nell’anima del pilota a ritmi serrati.suite 200 2.JPG

Una corsa, il cui epilogo è, ahimè, ben noto a noi, anche a chi non è appassionato di corse automobilistiche come lo sono io, ma che rimane un’incognita per il pilota che nonostante tutto, ci crede ancora.

Giorgio Terruzzi e il suo libro “Suite 200”, pubblicato dalla 66th and 2nd nella collana Vite inattese, sono stati protagonista della serata organizzata da Virginia e Co “Ayrton Senna, un’iradiddio” il 1 settembre 2016, in concomitanza con il Gran Premio di Formula 1 di Monza. 

Una serata di chiacchiere tra autore e lettori, tra ricordi dolorosi e aneddoti esilaranti, tra appassionati di F1 e appassionati di libri, o di entrambe le cose. Ne è rimasto qualche scatto che fa nascere tuttora un sorriso a chi ha partecipato alla serata. suite 200 1.JPG

Uno di loro, ha postato nella pagina Facebook dell’evento la sua copia autografata da Giorgio Terruzzi e  “La serata e’ passata in un lampo con i racconti di Giorgio, che non ha certo bisogno della mia recensione. C’era tanta gente appassionata, giovane e “diversamente giovane”: chi non ha mai visto Ayrton correre, chi quel giorno era a Imola per lavoro e chi, come me, semplice spettatore sulla Rivazza ammutolita per interi minuti, accompagnatore di 2 bambini di 7 e 11 anni che erano partiti da Monza con tanto entusiasmo. Grazie per la presentazione, una serata veramente eccezionale (e anche la birra era buona)”.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...